Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

06/02/2017
Dalla psicosi unica al neurosviluppo
Serata dedicata al tema Dalla psicosi unica al neurosviluppo. Relatori Concetto Gullotta, Past...
 
06/02/2017
5 incontri, 5 film, la Psicologia Analitica incontra la Storia
Martedi 14 febbraio inizia il ciclo di incontri dedicato al cinema: I grandi eventi traumatici....
 
12/09/2016
Ammissione ai corsi 2017
Si segnala che il termine per la presentazione delle domandedi ammissione alla scuola di...
 
vedi tutte le news

Codice Deontologico

PREMESSA - ARTICOLI

PREMESSA

 

L’A.I.P.A., nel definire questo Codice, si ispira al Codice Etico proposto dalla I.A.A.P.

 

I membri dell’A.I.P.A. esplicitano alcuni principî e norme di comportamento, ritenuti fondamentali nell’esercizio della pratica psicoterapeutica ispirata alla concezione junghiana della psiche, e aderiscono a questo Codice Deontologico che è atto di responsabilità verso:

 

- la società italiana, dalle cui Istituzioni è stato ricevuto un riconoscimento legale per l’attività di formazione dei nuovi psicoterapeuti ed analisti;

 

- il pubblico degli attuali e potenziali fruitori dell’attività psicoterapeutica e formativa, pazienti ed allievi, cui deve essere riconosciuto il diritto di ricevere prestazioni adeguate da persone di cui siano garantite la correttezza professionale, la trasparenza, l’affidabilità e la credibilità sia in campo teorico che clinico;

 

- la comunità professionale nazionale ed internazionale, in particolare la I.A.A.P.

 

Denominando deontologico anziché etico questo Codice, l’A.I.P.A. intende evidenziarne lo spirito di rispetto delle coscienze individuali e la necessità di definire alcuni principî di comportamento professionale che rappresentino anche una qualificazione dell’Associazione nelle sue relazioni esterne, in un’ottica di solidarietà sociale.

 

Attraverso principi e norme di questo Codice l’Associazione intende offrire opportunità di aiuto, consulenza e prevenzione ai propri membri, agli allievi (candidati e corsisti) ed ai pazienti, al fine di contribuire a:

 

- tutelarne la dignità professionale e personale;

 

- garantire la sicurezza dei pazienti e degli allievi;

 

- favorire nell’Associazione un clima sereno e collaborativo il più possibile libero da ombre e, qualora ombre dovessero emergere, elaborarle in modo equanime e costruttivo.

 

Con questo Codice e con l’istituzione di un Comitato Deon­tologico l’Associazione intende porre i principî generali di funziona­lità /dis­funzionalità dei compor­tamenti profes­sionali in relazione ad un contesto teorico ed alla prassi associativa.

 

In questa ottica l’attività del Comi­tato Deontologico, previsto in questo Codice, si articola su due livelli fra loro complementari: un primo, informale, con scopi di prevenzione e di consulenza verso membri dell’Associazione in difficoltà , verso allievi e verso pazienti, con funzione essenzialmente di servizio; un secondo livello istituzionale, con la funzione di attivare procedimenti formali nei confronti di membri che il Comitato abbia ritenuto responsabili di violazioni del Codice Deontologico.

 

Il Comitato Deontologico, inoltre, su richiesta di un paziente o allievo il cui analista o didatta abbia in corso un procedimento, si propone come punto di riferimento e di orientamento per il paziente o allievo stesso.

© 2011-2012 AIPA - tutti i diritti riservati - P.IVA 80439810583 - realizzato da LiveNet S.r.l. Home | Chi siamo | Servizi | Dove Siamo | Cerca Socio | Contatti | Area Riservata