FORMAZIONE ANALITICA PER GIà PSICOTERAPEUTI

La formazione analitica dell’A.I.P.A. prevede un percorso formativo personalizzato per chi è già in possesso dell’abilitazione alla psicoterapia e ne faccia richiesta.

Questo percorso formativo dell’A.I.P.A. è destinato al solo conseguimento del titolo di Psicologo Analista e di membro ordinario A.I.P.A.-I.A.A.P. (International Association of Analytical Psychology) e non riguarda l’allievo psicoterapeuta che volesse conseguire anche una seconda specializzazione in psicoterapia. L'allievo psicoterapeuta, che voglia anche conseguire un secondo titolo di specializzazione in psicoterapia, sarà tenuto a seguire il training della Scuola di specializzazione quadriennale dell'AIPA e tutti gli adempimenti richiesti dal MIUR.

Gli Allievi Psicoterapeuti seguono un progetto formativo personalizzato secondo il curriculum presentato. Il progetto di formazione avrà durata triennale e verrà stabilito a giudizio della C.A.P., dopo un’attenta valutazione del curriculum e degli insegnamenti sostenuti nel corso della specializzazione in psicoterapia.

La C.A.P., commissione preposta alla organizzazione e coordinamento della formazione analitica, si riserva anche la facoltà di proporre un progetto formativo personalizzato di diversa durata in specifici casi, documentati e motivati.

• Iscrizione all’Ordine professionale dei Medici o degli Psicologi;
• Iscrizione all’elenco degli psicoterapeuti presso il proprio Ordine professionale;
• Certificazione di almeno un anno di analisi personale a due sedute settimanali con un analista membro della I.A.A.P.
• Nel caso di un’analisi personale già conclusa, la C.A.P. può valutare l’ammissibilità di un candidato che abbia svolto la prima analisi con un analista appartenente ad una Società psicoanalitica non I.A.A.P., ma comunque internazionalmente riconosciuta. In tal caso il progetto formativo includerà, entro febbraio del primo anno di corso, l’inizio di un’analisi junghiana con un’analista A.I.P.A.

I candidati in possesso dei requisiti richiesti dovranno:
• presentare domanda con allegato un curriculum vitae dettagliato e aggiornato, con particolare riferimento al proprio iter formativo e professionale e con la specifica degli insegnamenti seguiti nel proprio corso di studi.
• presentare una lettera di motivazione
• svolgere 5 colloqui di valutazione con altrettanti analisti con funzione didattica nominati dalla CAP: saranno ammessi coloro che hanno ottenuto parere favorevole di almeno 4/5.
• Per accedere ai colloqui di ingresso è previsto un contributo per diritti di segreteria. I colloqui sono gratuiti.

I corsi teorico-clinici del progetto formativo personalizzato saranno predisposti utilizzando le attività di formazione già attivate nella Scuola quadriennale di psicoterapia. Sarà anche possibile istituire alcuni corsi specifici per gli allievi psicoterapeuti.

  • La formazione si articola con le seguenti modalità:

a) Fase propedeutica:
1. Prosecuzione dell’analisi personale a 2 sedute settimanali.
2. Frequenza settimanale di corsi teorici di base e di un gruppo clinico
3. Frequenza di corsi mensili.
4. Supervisione individuale: 40 ore annue con didatta che non coincida
con l’analista personale.

b) Fase di formazione avanzata
1. Completamento dell’analisi personale con almeno 300 ore effettuate.
2. La seconda analisi dovrà essere iniziata entro il termine della fase di formazione avanzata con la frequenza di due sedute settimanali.
3. Frequenza corsi settimanali caratterizzanti il pensiero junghiano e di un gruppo clinico
4. Frequenza corsi mensili.
5. Supervisione individuale: 40 ore annue con didatta che non coincida con l’analista personale.

 

  • Le valutazioni avranno cadenza annuale e sarà possibile accedere all’anno successivo del training se la valutazione collegiale dei corsi teorici, dei gruppi clinici, delle supervisioni individuali sarà positiva. Al termine del percorso formativo, il candidato dovrà sostenere un ciclo di 5 colloqui di valutazione.

L’allievo psicoterapeuta, avendo completato tutti gli adempimenti previsti, dovrà presentare un elaborato scritto di carattere teorico-clinico, in cui approfondirà il caso di un proprio paziente seguito in psicoterapia analitica.

  • Dopo la discussione e l’approvazione del lavoro teorico-clinico presentato, l’Allievo Psicoterapeuta Candidato, con ratifica dell’Assemblea Generale dell’Associazione, diventerà membro Ordinario dell’A.I.P.A. e della I.A.A.P., acquisendo il titolo di Psicologo Analista.
  • Il diploma di Psicologo Analista ha un carattere esclusivamente privato e non costituisce titolo legale nei concorsi pubblici.

Per ulteriori dettagli vedi Regolamento, Percorso personalizzato per già psicoterapeuti, alla pagina
Chi siamo

" Il senso della mia vita è che la vita mi pone una domanda. O viceversa, sono io stesso una domanda per il mondo e devo fornire la mia risposta, altrimenti mi ridurrò alla risposta che mi darà il mondo. "

- Carl Gustav Jung -

Torna su